Pedro: "Fiorentina? Sono pronto"

Le prime parole del nuovo numero 9 viola

Il nuovo acquisto della Fiorentina, l'attaccante Pedro Guilherme, si presenta quest'oggi in conferenza stampa:

A chi vorresti somigliare: "Il mio punto di riferimento è Ibrahimovic".

La Fiorentina: "Chiaro che quando ho saputo della Fiorentina sono stato subito molto soddisfatto. La Fiorentina sta costruendo una grande squadra e la mia speranza è fare una grande stagione. Qui hanno giocato molti brasiliani forti come Dunga ed Edmundo".

La maglia numero nove: "E' una maglia molto importante, l'hanno indossata grandi campioni come Batistuta. Voglio fare grandi cose qui a Firenze".

Obiettivo di gol: "Sono appena arrivato ma mi sento già pronto. Il mio obiettivo è dare il mio meglio e conquistare qualcosa insieme ai miei compagni".

Sui compagni e i nuovi arrivati: "Conoscevo la Serie A, molti giocatori brasiliano sono passati dal campionato italiano. Sono stato accolto benissimo da tutti i nuovi compagni e li sto conoscendo piano piano".

Sulla Juventus di Cristiano Ronaldo: "La mia speranza è quella che si possa uscire con una vittoria sabato. Sarà un piacere affrontare un giocatore come Ronaldo ma io penso solo alla Fiorentina".

Sui brasiliani in Serie A: "Conosco i giocatori brasiliani della Juve. Sono stato paragonato a Lewandowski, Ibrahimovic ma questi paragoni li lascio ai giornalisti. Io penso soprattutto a costruire la mia carriera".

Sulle caratteristiche principali e su cosa devi migliorare: "Fanno piacere i complimenti di Careca ed Edmundo. Per quanto riguarda le mie caratteristiche mi piace segnare ma anche uscire dall'area e aprire spazio ai miei compagni. Sono un attaccante di molto movimento".

Su Ribery: "Sarà bellissimo giocare con lui. E' un sogno realizzato. Da piccolo giocavo con Ribery ai videogame. Quest'anno tutta la Fiorentina è stata costruita per stare in alto, quindi non vedo l'ora di giocare con tutti i compagni".

Sull'esultanza: "Chiaro che vorrei fare il primo inchino ai tifosi dopo un gol. L'importante, prima di tutto, sarebbe uscire con un risultato positivo".

Firenze come tappa d'arrivo o come rampa di lancio: "In passato ci sono state delle trattative con il Real Madrid, ma poi non si è concretizzato nulla perché in quel momento ero infortunato. Spero di riconquistare anche la maglia della Nazionale brasiliana. E' una tappa molto importante della mia carriera. Voglio centrare i miei obiettivi in questo club".

Sui pregi e i difetti: "Il mio principale obiettivo è quello di fare molti gol. Sono un attaccante tecnico di movimento. Ci sono molti aspetti sui quali devo migliorare e sono qui anche per questo. Anche il calcio italiano mi aiuterà molto in questo. 

Sull'infortunio: "E' arrivato quando stavo giocando molto bene con la Fluminense. Grazie a Dio questo è passato, anche di recente ho giocato senza grossi problemi. Anche psicologicamente sono riuscito a superare l'infortunio e ora sto bene".

Su Boateng e Vlahovic: "Sono due grandi giocatori, per quanto riguarda la mia titolarità la decisione spetta all'allenatore. Mi sento pronto".



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies