Detto, fatto: dallo Stadio a Chiesa, le quattro promesse mantenute da Commisso

Un estratto dell’articolo del Corriere dello Sport-Stadio in edicola stamattina

Adesso è possibile cominciare anche a fare la spunta delle promesse mantenute da Rocco Commisso, perché il suo Fast Fast Fast ha portato frutti in centotrenta giorni dalla sua presentazione. Era il 7 giugno quando il nuovo proprietario della Fiorentina si presentò alla sala stampa del Franchi e spiegò a Firenze le proprie intenzioni. Non c’erano ancora né l’allenatore né il direttore sportivo, nessun acquisto, ricorda Stadio in edicola oggi, ma c’era una strategia più ampia: centro sportivo, stadio, un talento nuovo da comprare e uno vecchio da trattenere. Adesso c’è gia la traduzione che in ordine ha dei nomi: Bagno a Ripoli, Mercafir, Ribery, Chiesa. E in aggiunta la chiara volontà di esportare il nome Fiorentina nel Mondo, a cominciare dagli USA come accaduto a più riprese negli ultimi mesi e giorni.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies