Barone: "Iachini sta lavorando molto, si corre di più ed è aumentata durata e intensità negli allenamenti"

Il dg fa il punto a margine dell'allenamento a porte aperte: "Il mercato? Proveremo a cogliere le opportunità ma la squadra verrà fuori e non pensiamo alla lotta per la salvezza"

Intervenuto durante l’allenamento a porte aperte della Fiorentina al Franchi, il dg viola Joe Barone ha parlato a 360° del momento viola. Queste le sue parole riportate da Violanews.com: “Prima di tutto vorrei fare gli auguri di buon anno nuovo a tutte le famiglie viola nel mondo. Oggi è una giornata particolare perché tanti tifosi sono qui, per noi è una grande emozione e questo ci fa vedere la passione della nostra tifoseria. Tre cose sono importanti per la società: la storia della città, i nostri tifosi e l’attenzione dei media nei nostri confronti: questo è un messaggio importante del calcio italiano. Avere l’attenzione dei media è una grande responsabilità, siamo fortunati perché abbiamo una città e una stampa che ci dà attenzione. Ognuno di noi deve prendere appunti e prenderci questa responsabilità”.

Sul Mercato: “Lavoriamo ogni giorno, sia io che Daniele Pradè, cerchiamo opportunità per capire cosa serve alla squadra. Giocatori vicini? Al momento uno in particolare non c’è, fare dei nomi adesso non è giusto, ogni ora esce fuori una nuova opportunità che proveremo a cogliere”.

Su Iachini: “Beppe sta lavorando tanto, ha una mentalità molto differente rispetto alla precedente gestione, servirà del tempo ma speriamo di avere risultati già a partire da Bologna. Cosa è cambiato? C’è tanta intensità, la squadra l’altro ieri si è allenata dalle 9 alle 13 e corre tanto: dopo le vacanze è giusto”.

Su Chiesa: “E’ stato infortunato, è un giocatore importante per la Fiorentina e per il calcio italiano, speriamo sia pronto per Bologna”.

Ancora sul mercato: “Bisogna scegliere tempi e giocatori che servono al sistema del mister. Priorità all’attacco? Abbiamo dei giocatori ottimi come Vlahovic che ha segnato un grande gol con l’Inter; abbiamo Pedro che al momento non è stato utilizzato tanto ma negli allenamenti dimostra di essere valido poi Boateng, Chiesa, Sottil”.

Calarsi nella dimensione-salvezza: “Non ne voglio parlare, non sono preoccupato come tanti scrivono perché prima o poi la squadra uscirà. Abbiamo avuto infortuni, tra cui Pezzella, Ribery e Chiesa: vediamo cosa succederà a partire da domenica”.

Commisso? “Rocco arriva domenica o lunedì, starà subito vicino alla squadra”.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies