Vittorio Cecchi Gori: "Secondo me Commisso parla troppo, la priorità è la squadra non lo stadio"

Su "La Nazione" parla l'ex proprietario della Fiorentina: "Anche il Tottenham ha speso per lo stadio ma non ha vinto nulla e mettersi contro gli arbitri non è stata una buona idea"

“Secondo me parla troppo, pensi alla squadra prima che al nuovo stadio, che non è una priorità”. Così Vittorio Cecchi Gori esprime i suoi dubbi su Rocco Commisso sulle colonne de La Nazione: prima c’è da consolidare la posizione della Fiorentina, poi per l’ex presidente viola si può pensare al resto. “Guardate il Tottenham: ha speso un miliardo per una nuova, magnifica, invidiata struttura e in classifica ora dov’è?”. Non convince nemmeno la battaglia contro i poteri forti – dal Palazzo del calcio alla politica – per Cecchi Gori mettersi contro arbitri, Federazione e anche il sindaco non è una buona idea. Inoltre “ho anche i miei dubbi sul fatto che un nuovo stadio a Firenze possa fare la differenza, in fatto di incassi”.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies