Commisso: "Chiesa? Adesso è tutto cambiato, gli ho fatto una promessa"

Tanti i temi affrontati dal presidente viola

l Presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha parlato durante la  trasmissione Top Calcio 24 su MondoCalcio. Tanti gli argomenti affrontati:

SOLIDARIETA'

Con l’iniziativa “Forza e cuore” abbiamo raggiunto una cifra importante, circa 800 mila euro. Sono molto contento. Gli allenamenti dal 4 maggio? Il calcio deve ripartire ma va tutelata anche la salute, non bisogna rovinare l’anno prossimo. La nostra posizione come società è nel mezzo. Settimana dopo settimana vedremo come si evolve la situazione.


STADIO NUOVO

Lo stadio a Firenze? Da quando sono arrivato a Firenze ho investito circa 700 milioni tra squadra, strutture e giocatori ed adesso c’è questa situazione. Serve un po di fortuna. Lo stadio nuovo serve, ma non solo a Firenze. In tutta Italia c’è bisogno di investimenti. La politica deve aiutare per agevolare il tutto, sempre nel bene del paese. Le migliori operazioni? Sicuramente quelle di Chiesa e Ribery. Dissi che Chiesa sarebbe rimasto alla Fiorentina e questo è successo. Le peggiori invece non le voglio dire, forse ho sbagliato qualcosa ma nella vita come nel mondo degli affari è inevitabile. Sono contento di aver acquistato la Fiorentina, spero di stare qui per semprE. Serie A? In Lega c’è Joe Barone che lavora per la Fiorentina e per me. Vedremo cosa succederà, al momento non c’è un piano B per il calcio italiano. L’ideale è che questa stagione si chiuda in tempi giusti, in estate fa molto caldo in Italia.

CHIESA E CASTROVILLI

Futuro di Chiesa e Castrovilli? Gaetano ha un contratto lungo e resterà sicuramente qui, io voglio calciatori felici di vestire la maglia viola. Con Federico si siamo fatti una promessa, se durante l’estate vorrà lasciare la Fiorentina potrà farlo purchè l’offerta sia congrua al suo valore. In questo momento non so quale sia la sua volontà, prima dovrei incontralo. Negli ultimi mesi è cambiato molto. La prossima stagione voglio costruire una Fiorentina ancora più competitiva con obiettivi ambiziosi.


CALCIO E COVID 19

Le conseguenze del Coronavirus nel calcio? Tutto cambierà nel mondo economico. I prezzi del calciomercato si abbasseranno, anzi si sono già abbassati. Ci dobbiamo adattare e comportare di conseguenza. In merito stiamo studiando un taglio degli stipendi ai nostri calciatori. Tutti dovranno fare la loro parte.

POLEMICHE ARBITRALI

Rapporti con la Juventus dopo lo sfogo di Torino? Io non parlo con nessuno nel calcio italiano perchè sono sempre in America. Ho delegato questi incarichi a Barone, Joe ha parlato con Agnelli. Con Nedved ripeto, non ci parlo. Voglio portare in alto la Serie A ma servono cambiamenti. Negli Stati Uniti il calcio fa schifo ma sanno fare business, in Italia è il contrario. Servono gli stadi nuovi sennò non si va da nessuna parte.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies