Lega, le larghe intese viola: il lavoro, la strategia e gli obiettivi di Joe Barone

Si guarda al modello americano, in cui tutte le società hanno lo stesso peso specifico. Concetto difficile da far passare, ma qualcosa si è mosso

Spazio anche all’extra campo su La Nazione. Joe Barone – sottolinea il quotidiano – sta curando in prima persona le sfide della società viola nel Palazzo del calcio: il delicato lavoro di dialogo tra tutte le componenti ha di fatto ridotto le distanze che ci sono sempre state tra i grandi club che guidano il pallone e le piccole realtà. Bene il ‘fast fast fast’, ma Commisso sa che per fare business nel calcio italiano servono amicizie, alleanze e tanto lavoro a farsi spenti, cercando di spostare equilibri consolidati come quelli in Lega. Barone, anche durante il lockdown, ha continuato a tenere rapporti e contatti con la maggior parte dei club, guadagnando rispetto e apprezzamenti trasversali.

Nella filosofia viola il dialogo con Inter, Lazio e Napoli è sullo stesso piano di quello tra Spal, Verona e Brescia: tutte fanno parte dello stesso spettacolo e come parti protagoniste devono avere pari dignità. Concetto difficile da far passare, ma qualcosa si è mosso. Il vantaggio di avere proprietà internazionali ha allargato gli orizzonti. Si guarda al modello americano, in cui tutte le società hanno lo stesso peso specifico. Una sede della Lega Calcio negli Stati Uniti, attrarre nuovi investitori, sfruttare le nuove piattaforme multimediali per arrivare a nuovi mercati: tre temi che Barone ha messo sul tavolo da qualche tempo e che hanno trovato sempre più consensi. Il dg viola si è messo a disposizione di tutti, senza essere ’succube’ delle grandi.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies