Kouame: “Sarebbe bellissimo andare in doppia cifra. Iachini? Un martello”

La Gazzetta dello Sport propone oggi un’intervista con Christian Kouamé, della quale vi proponiamo alcuni passaggi: il numero 11 della Fiorentina avrebbe voluto segnare contro il Torino, ma tra il colpo di testa troppo schiacciato e la bravura di Sirigu non ci è riuscito. Il ragazzo ha elogi per Amrabat (“visione di gioco eccezionale”) e, ovviamente, per Ribery, che fa sempre la scelta giusta e rende tutto più facile. Obiettivi personali? “Andare in doppia cifra sarebbe bellissimo”. Ma Kouamé si accontenterebbe di star bene e di aiutare la squadra a raggiungere traguardi importanti. Un dribbling perfetto sulla domanda di mercato riguardo a Chiesa, definito un grande calciatore capace di strappi incredibili, mentre sui compagni di reparto: “Cutrone è più uomo d’area, Vlahovic svaria. Ma il nostro obiettivo comune è il bene della Fiorentina”. Come quello di Iachini, che cura in maniera certosina la fase offensiva e insiste come un martello sui movimenti giusti da effettuare. Infine, una battuta sul presidente: “Commisso è fondamentale, dà una carica incredibile e trova sempre le parole giuste”.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies