Fiorentina al bivio, Prandelli è pronto. Dietro c’è anche Sousa.

Attenzione a Montella e Mazzarri, in lizza al pari del portoghese per l’eventuale sostituzione in panchina

Su La Gazzetta dello Sport si parla del futuro della panchina viola. Per Iachini sarà decisiva la trasferta di sabato al Tardini contro il Parma, ma intanto la dirigenza della Fiorentina si muove. Le risposte ai sondaggi fatti per Sarri e Spalletti hanno scoraggiato la società gigliata: Sarri in questo momento ha come unico pensiero quello di liberarsi dalla Juve e Spalletti vuole incassare fino all’ultimo euro dell’accordo che lo lega all’Inter fino al 30 giugno 2021. Da qua la decisione di prendere tempo, legata anche al fatto che nell’area di comando della Fiorentina ci sono valutazioni che hanno sfumature diverse. Rocco Commisso prima di dichiarare persa la sua sfida (la conferma di Iachini pochi mesi fa) vuole concedere un’ultima opportunità all’allenatore ascolano. Che in caso di vittoria sabato sera sarebbe confermato.


Ma fino a quando? Una sconfitta, invece, porterebbe a una decisione condivisa da tutti e cioè l’esonero. In caso di pareggio molto dipenderà dalla prestazione della squadra. In attesa del giudizio del campo la dirigenza sta preparando il piano B. Tra i tanti nomi analizzati ce n’è uno in questo momento qualcosa in più rispetto agli altri: Prandelli. L’ex tecnico viola avrebbe già dato una disponibilità di massima a guidare la squadra con un contratto fino a giugno. Dietro c’è Montella, ancora sotto contratto fino al 30 giugno 2021. Poi ci sono due opzioni di più ampio respiro. Una porta a un altro ex tecnico viola, Sousa, l’altra a Mazzarri.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies