Lettera degli architetti internazionali a Nardella: salvaguardare il Franchi

No alla distruzione, sì alla ristrutturazione con vincoli

Su La Nazione trova spazio la vicenda relativa alla lettera firmata da alcuni dei volti più noti dell’architettura e dell’ingegneria mondiale in difesa dello stadio Artemio Franchi. Ad un elenco dei nomi coinvolti segue qualche passaggio della missiva stessa, che verrà consegnata oggi al sindaco Nardella (che ieri ha parlato dell’argomento):

''Lo stadio municipale di Firenze – si legge nella missiva che oggi arriverà a Palazzo Vecchio – è stato pubblicato in tutto il mondo all’epoca della sua costruzione; è stata la prima opera di Pier Luigi Nervi a ottenere un riconoscimento internazionale e la sua pensilina a sbalzo, le scale elicoidali e i dettagli evocativi della sua struttura fiorentina hanno ispirato ingegneri e architetti nell’Europa intera, in Nord America e nel resto del mondo''.

La lettera esorta a rinnovare il monumento senza demolirlo, per preservare l’opera originale migliorando l’esperienza degli spettatori e unendo il nuovo con il preesistente. Il Corriere Fiorentino aggiunge che la Fiorentina non commenta, intenzionata a non arretrare di un millimetro rispetto alle proprie posizioni.



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies