Italiano rinnova l’assetto tattico. Gli aggiustamenti al “vecchio” 4-3-3

Con il Basaksehir ha azzardato addirittura una difesa a 3, ma Italiano sembra aver deciso: addio al 4-3-3, la Fiorentina col 4-2-3-1

Il 4-3-3 di Italiano sta virando progressivamente verso un 4-2-3-1 elastico, ma come dimostra la gara di Conference League contro il Basaksehir certi aggiustamenti tattici non sono finiti. La posizione di Barak alto tra le linee, Kouamé vicino a Jovic e Dodò avanzato a centrocampo sono tutti indizi che portano ad una Fiorentina con il 3-4-1-2. Come scrive La Nazione, quello del modulo un falso problema, quel che conta è la qualità degli interpreti – e le assenze di Nico e Sottil hanno condizionato il rendimento in tal senso – e i dettagli possono fare la differenza per eliminare l'isolamento di chi deve fare gol.

Le reti di Jovic dimostrano che qualche passo avanti è stato fatto e Kouamé è il partner più ispirato del serbo. Ma il passo avanti più significativo è il tentativo di eliminare (o almeno ridurre) quell'orizzontalità che stava diventando un problema. Ancora i gol presi con la difesa alta sono troppi, ma l'input è quello di effettuare meno partenze dal basso verso una strada nuova, diversa, condivisa. Magari Italiano sarà pronto a smentirci domani a Spezia, ma la strada verso il 4-2-3-1 sembra tracciata...



Condividi
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies



Lascia un commento
La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies